Numero visualizzazioni articolo: 1.391

Loano, il maestro d’ascia a riposo. Il nonno aveva iniziato ai primi del ’900, poi papà

Sono mesi che chi percorre il frequentatissimo lungomare il Loano, in gran parte vestito a festa con opere ed interventi dell’ultimo decennio, si trova di fronte un singolare cartello: “ Vendesi stampi in vetroresina per costruire gozzi liguri…guscio di gozzo, lancette, attrezzature nautiche rimaste, remi, ancore, reti da pesca anche per arredo locali e tavernette, timoni, bozzelli, fiocine, bitte, passacavi, paranchi, verricelli, tel. 3398537946.”  Quel cartello racchiude la storia gloriosa, quasi da magone in gola, dell’ultimo cantiere navale di famiglia, specializzato nella barca simbolo del nostro mare, il gozzo. Il cantiere, con una concessione della Regia Capitaneria del 1934, ha chiuso. Fondato nonno Francesco, passato a papà Francesco, infine alla terza generazione, due fratelli, uno nel frattempo mancato, e una sorella. Ora Gian Vittorio, 70 anni, ha deciso di lasciare tra nostalgia e rimpianti.  

Loano era il litorale di storici cantieri navali. Gli scrittori di storia locale l’hanno ben descritto nei loro libri. Una testimonianza, una delle tante, da tramandare alle future generazioni.  Gian Vittorio Zunino è anche contitolare degli attigui Bagni Marisa, ma il suo ‘debole’, l’amore vero, oltre alla famiglia, l’ha riversato a quei locali che hanno ospitato la ‘fabbrica’  di un’eccellenza marinara. Con stampi e stampati si realizzavano in vetroresina (e non solo) gozzi, lancette, i natanti dei pescatori ai tempi delle lampare, poi di chi ha mantenuto l’hobby, oppure dei nuovi appassionati. Nella provincia di Savona il cantiere di Varazze ha chiuso la produzione, a Ceriale hanno dpovuto gettare la spugna i Sciallino e prima ancora ‘Patrone’,  E’ rimasta un’attività, più recente negli anni, nella piana di Albenga, la Nautica Ars.

Loano, peraltro, brilla per il museo del mare, ha una cittadella portuale che attende tanti diportisti (oggi anche una solidissima proprietà, Unipol), dove non mancano  saltuariamente gli attracchi da sogno. Lunedì sera, ad esempio, ha ‘pernottato’ in porto il mega panfilo Event, 70 metri, ‘quattro piani’ fuori acqua. Uno spettacolo per chi ha avuto la fortuna di avvicinarsi. Una realtà  portuale che necessità di tanta attenzione, cura, diligenza anche nelle piccole cose. L’organizzazione non manca, anche se emergono le prime ‘falle’, 22 lampioni spenti da diversi mesi, ‘macchie’ di intonaci  che si staccano proprio negli stabili centrali, sempre più scarsa la cura del verde pubblico nelle aiuole, qualche piastrella che inizia a mancare, la lunga, panoramica passerella in legno che unisce porta allo yacht club e al ristorante Zeffirino, presenta liste sempre più instabili, traballanti. Non diciamo nulla di nuovo, la manutenzione fatta al momento giusto, oltre a rispettare il decoro, evita danni maggiori, la propagazione.

La sorte dell’immobile che ospitava sul lungomare di ponente, l’ex cantiere Zunino, è nelle mani del Comune, di ciò che si consentirà con la realizzazione dell’annunciata (vedi trucioli.it) nuova passeggiata. Purtroppo i tempi della burocrazia, anche in Liguria, non sono veloci, non diciamo velocissimi. Gli annunci di ‘progetto pronto e definitivo, con tanto di date, inizio lavori, si sono susseguiti. Ora si parla di fine estate, naturale sia così. L’area su cui sorge l’immobile è in parte del Demanio Marittimo, in parte dello Stato.  L’auspicio è che possa essere realizzata una nuova struttura all’altezza dei tempi che non costringa il privato investitore  a scommettere l’impossibile.  Senza dimenticare la pagina di storia. La prima sede del ‘Cantiere F.lli  Zunino’ si trovava quasi in centro, oggi chiamato ‘Orto Maccagli’. Conservare la memoria di certe attività è una scelta che premia la civiltà del secolo scorso, i suoi personaggi più significativi, meritevoli di essere additati ad esempio. Tutto ciò che è storia vera non va cancellato, il futuro nasce li.

Chi sono i potenziali acquirenti degli ultimi ‘pezzi da museo’ di un’attività che ha fatto il suo tempo, ma resta ricca fascino, di ricordi, di pesca capace di ‘fare attrazione’. Oggi sulle bancarelle delle cose antiche, soprattutto nel centro e Nord Europa, è facile trovare fotografie di Loano e di altre città, un tempo frequentatissime dagli stranieri teutonici, immagini difficilmente reperibili nella nostra terra. Piccoli gioielli e testimonianze di ‘come eravamo’ e di chi c’era, dei mestieri andati persi o trasformati.

A quanto pare non mancano le telefonate dagli angoli più diversi del Bel Paese, interessati alle proposte ‘vendesi ‘ di materiale da pescatore, utilizzabile pure per arredi o da collezione. Restano le difficoltà. “Dovrei spostarmi da un’angolo all’altro d’Italia per insegnare l’arte del maestro d’ascia e della vetroresina, alla mia età ho altro da pensare; comunque abbiamo messo l’annuncio anche su internet. Non c’è fretta, i ricordi del lavoro mi allungano la vita” conclude Zunino.

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi