Numero visualizzazioni articolo: 1.162

I biglietti da visita di Savona vanno a ruba

A Savona si accede in macchina, in treno ed in nave: le porte della città sono il casello autostradale, la stazione Mongrifone e la Torretta.

Savona, l’ingegner Claudio Maineri scrive e risponde, tra sarcasmo, alle tesi del vice sindaco Di Tullio sulla ‘passerella in porto’

Il primo impatto al casello, se si esce alla barriera, è il profumo di…depuratore consortile; se invece l’uscita viene anticipata ad Albisola ci si troverà in una coda continua sino all’ingresso di Savona.

Mi pongo alcune domande: chi ha avuto l’idea ed a cosa serve il pseudo deodorizzatore del consortile ?

Non sarebbe stato molto più semplice e economicamente vantaggioso pensare ad un’azienda “energia”, come a Brescia, per recupero e teleriscaldamento?

Ed ancora il tracciato dell’Aurelia bis, con gli ingressi e le uscite a progetto ha un senso ?

La viabilità di ponente è in grado di sopportare il traffico che andrà a gravare su corso Ricci ?

Nelle città, amministrate con cura, le macchine vengono lasciate fuori città e per fare ciò sono stati previsti parcheggi periferici e servizi navetta.

A Savona abbiamo fornito gli uffici tecnici comunali di compassi per tracciare rotatorie ridicole (via Stalingrado/via Chiappino una tra le tante..), tracciato piste ciclabili sui marciapiedi, inserito a pioggia attraversamenti stradali non regolamentati ma fondamentalmente si è lasciata la soluzione ai veri problemi del traffico alla fantasia degli automobilisti.

I nostri amministratori hanno cose molto più importanti a cui pensare.

Il viaggiatore che arriva a Mongrifone trova finalmente una stazione accogliente ma appena fuori ha davanti a se davanti una baraccopoli: eppure siamo a cento metri dal centro ottocentesco !

La situazione è così dagli anni 60; sono state realizzate le Ammiraglie ma poi..?

Un progetto serio, realizzabile,che unisca le due sponde del Letimbro non è prioritario rispetto allo scempio di un Crescent 2 ?

Tracciare le linee programmatiche di intervento e proporre una realizzazione in project financing è un impegno troppo gravoso oppure i nostri Amministratori non sono in grado di pensare e fare ciò ?

Costa Crociere ha fatto grossi investimenti su Savona per accogliere i propri passeggeri, ma Savona cosa da agli stessi ?

Un ingresso in porto con vista sul carbonile, una sequenza di edifici (via S.Lucia) con facciate fatiscenti, una Torretta su cui è anche illeggibile lo stemma della città.

Rendere via S.Lucia una “palazzata” ovvero tornare al borgo ligure, così come Camogli, è solo un sogno?

Riportare la Torretta all’onore del mondo è utopia ?

Mi scuso per tutte le domande che mi sono posto, ma il vero problema è che, come di manzoniana memoria, il coraggio non lo si può dare a chi non ce l’ha non si può pretendere di far albergare il senso del bene di Savona in palazzo Sisto IV .

Arrivederci,

Claudio Maineri

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi