Numero visualizzazioni articolo: 938

‘Ndrangheta in Liguria: Cetara ha ragione

Guerra alla ‘ndrangheta in LiguriaCome consigliere comunale di Savona condivido l’analisi del Dott.Graziano Cetara (capo delle redazioni unicificate Stampa- Secolo XIX nel ponente ligure ndr) sulle infiltrazioni mafiose in Liguria che, nel ponente ligure, hanno convissuto opportunamente, familiarmente e a lungo andare con i politici locali e con i reucci di livello nazionale, i quali pescavano a piene mani nei protettorati politici della ‘ndrangheta, cioè nei voti gestiti dai padrini della comunità calabrese (non solo gente onesta), e con una società ligure spesso “incivile”, rassegnata e sempre pronta a voltarsi vergognosamente dall’altra parte.

Una foto d’archivio di Vittorio Sgarbi e Fausto Benvenuto a Savona

E così la malavita organizzata ha potuto affondare le proprie radici nella terra di Liguria.

La mia associazione politica è sempre stata ed è giustamente garantista, cioè ha sempre considerato la presunzione d’innocenza uno dei fondamentali della civiltà giuridica e della civiltà tout court.

Tuttavia compito cruciale non tanto della buona politica, ma di una politica adulta che abbia un minimo di coraggio e di senso civico, è quello di emarginare ed espellere dal proprio partito chi è contiguo con l’associazionismo mafioso o che addirittura collima e delinque con esso.

La mafia e la ‘ndrangheta non sono solo fenomeni di corruzione e di alterazione gravissima del libero mercato, ma si contraddistinguono perché sono da sempre fondati sul delitto e su azioni intimidatorie verso chi si oppone al loro consolidamento, alle loro ramificazioni e alla loro estensione in enti ed istituzioni pubbliche.

Questo fenomeno vomitevole, per una persona effettivamente onesta, è inoltre una evoluzione di vicende storicamente complesse, le quali hanno radici antropologiche profondamente anche se non esclusivamente etniche.

L’ultimo blitz, in ordine di tempo, della Direzione Antimafia  mette ancora una volta in evidenza che le basi di questi fenomeni sono legate al territorio di origine di chi tenta di ampliare la propria presenza in Liguria.

Come negli Stati Uniti o in Canada i clan meridionali che inizialmente svolgono attività illecite o vischiose cercano sempre un primo e decisivo ancoraggio nella comunità etnica di riferimento, meno impermeabile delle comunità bianche protestanti, tra le quali sarebbe molto difficile inserirsi “produttivamente”.

Un’analisi che è stata fatta con grande lucidità e pragmatismo specialmente dai sociologi americani.

E’ quindi necessario il sostegno sostanziale della politica ai magistrati e alle forze dell’ordine che intercettano gravissimi reati legati o paralleli alla criminalità organizzata.

Purtroppo in questi decenni, con l’arrivo delle prime ‘ndrine, si è manifestata una forte mancanza di tensione etica e di trasparenza amministrativa da parte dei governanti e dei governati nella nostra regione, il che ha permesso alla criminalità organizzata di estendersi come una piovra nelle zone grige e tra le persone corruttibili, dimostrando la necessità di una forte opera di sensibilizzazione e di denuncia attiva, per mobilitare quegli anticorpi necessari a sconfiggere le varie mafie sanguinarie di alcuni territori del sud, perché l’azione contro la mafia deve essere anche un’azione repressiva e di guerra per la depressione morale ed economica di cui è maligna portatrice.

 FAUSTO BENVENUTO (consigliere comunale di Forza Italia – Savona)

 Cellulare: 347 45 12 384


Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi