Numero visualizzazioni articolo: 1.899

Lettera di Michele Russo / ‘ Io assolto da ingiusta condanna dopo il complotto, ma scandalizzati per il pranzo offerto a Fameli’

Sanremo, 22 marzo 2015. Caro Luciano Corrado, accade un fenomeno almeno curioso, e cioè del fatto che la mia assoluzione (in sede di revisione), della ignobile ingiusta condanna, comminatami anni fa da giudici forse distratti, non sembra sia stata accolta favorevolmente dai  miei ex colleghi ( e da tanti avvocati). Motivo ? Aver io utilizzato la testimonianza di Antonio Fameli, noto alle cronache giudiziarie e da me più volte inquisito. Ti sembra giusto l’atteggiamento, l’accanimento ?

Michele Russo al centro di una clamoroso ‘caso giudiziario’, assolto dopo le condanne, grazie anche alla testimonianza di Antonio Fameli (foto Silvio Fasano)

Nel giudizio di cognizione io ero stato chiaramente avversato, quale imputato, dal pubblico ministero e sfavorito per altri ignobili motivi – non credo sia il caso e l’occasione di rivelare almeno per ora. Ma che male c’è se io, mi sono dato da fare alla ricerca di altre prove, dopo che due altre domande di ‘revisione’ erano state respinte con speciose o nulle motivazioni. Per esempio furano disattese, senza alcuna logica ragione chiarissime prove orali e documentali. In particolare un documento dal quale risultava che uno dei tre testi di accusa contro di me, quel mattino del 13 aprile 1989, giorno preciso del grave reato addebitatomi, non si trovava a Savona perché l’auto blu della Regione Liguria che utilizzava quale assessore e a sua disposizione, non risultava aver fatto il tragitto  Genova – Savona e ritorno. Proprio quel teste invece affermò – dunque falsamente –  che quel mattino da Genova  raggiunse Savona ed ebbe modo di parlare con me, nel mio ufficio di procuratore della Repubblica, riferendo dunque  fatti non veri.

C’erano stati poi ben 4 testimoni  che chiaramente avevano detto nel corso del giudizio di Revisione, che io ero stato vittima di un complotto, organizzato da Antonio Fameli nella sua agenzia immobiliare di Borghetto S. Spirito , col concorso di varie persone, tra cui alcuni avvocati. E pare utile rimarcare che contro di me, oltre alle dichiarazioni dell’autore della denuncia, un prestasoldi di professione, nonchè medico e massone, già condannato per falso ideologico, vi erano solo le dichiarazioni di due testi, entrambi avvocati e pure nella ‘fratellanza massonica’.

Ero disperato…chi mai poteva  darmi la ‘prova provata’ del complotto ?  La Corte di Revisione voleva la prova provata !

Ritenni di potermi rivolgere ad Antonio Fameli, davanti al suo avvocato e l’uomo subito si disse disposto a dichiarare vero il complotto, facendo il nome del principale cospiratore (principale teste di accusa contro di me).

Ora, con grande rammarico e disappunto, apprendo che miei ex colleghi ed ex segretari, in massa, mi hanno tolto la loro stima…( ad un pranzo che ho voluto cordialmente offrire, non intervennero alcuni di loro, invitati espressamente..) .E constato che nessuno degli stessi miei ex colleghi, pur avendo appreso della mia definitiva assoluzione, non hanno ritenuto di farmi avere un cenno di congratulazioni. Un amico ha fatto poi sapere che sono tutti scandalizzati dell’aver io mostrato amicizia verso Antonio Fameli, invitandolo al pranzo suddetto.

Io sono un uomo educato, corretto. Le persone da me inquisite non sono mie nemiche; se si comportano lealmente con me hanno la mia piena considerazione.

Faccio male ? Certo, è un po’ difficile parlare di ‘amicizia’ ma io sono e sarò riconoscente al Fameli per il coraggio mostrato nel presentarsi davanti ad un giudice a dichiarare il vero, la verità.

Io sono stato assolto – sia ben chiaro –  non solo per la deposizione di Antonio Fameli, ma anche per quella di altri 4 testimoni. Un geometra professionista che ha ripetuto- ribadito le esaustive dichiarazioni di Fameli. Un commissario della Polizia di Stato che ha parlato del complotto ai miei danni, ordito da più persone, “tra cui anche avvocati”. Un ispettore  della Polizia di Stato che ha coraggiosamente resistito a velate minacce della Corte. Infine un cittadino che io nemmeno conoscevo. Testi a mio favore, ripeto, per dissipare le indebite opinioni di alcuni magistrati di Corte d’appello, secondo i quali, di fronte ad una sentenza passata in giudicato,  non sarebbe possibile valutare nuove prove. Opinione sconsacrate più volte da Dottrina e  giurisprudenza della Suprema Corte.

Io, nell’esercizio delle mie pregresse funzioni di procuratore della Repubblica, di servitore dello Stato democratico e della Costituzione, mi sono comportato più che correttamente col Fameli, iniziando contro di lui (ed altri….), per ben due volte, la procedura della vigilanza speciale quale presunto mafioso. La Cassazione, ripeto la Cassazione, mi ha dato torto e mi sono ‘inchinato‘. Ora il Fameli è di nuovo perseguito per gravi reati. Non mi interessa più ovviamente, da un giorno all’altro, da comune mortale, potrei ricevere l’ultima inappellabile chiamata dal ‘padreterno’, ma gli universali sentimenti di riconoscenza e gratitudine non mi possono essere confiscati da nessuno. Ne deperiranno se le circostanze e disavventure giudiziarie del Fameli lo porteranno di nuovo alla sbarra della giustizia. Non sarebbe giusto, anzi, umano !

Michele Russo, da magistrato, al centro di un calvario ‘dimenticato’, è stato assolto dopo la testimonianza di 5 testi: “Fu vittima di un complotto per le sue inchieste” (Foto Silvio Fasano)

Michele Russo

Nota di redazione: Michele Russo è stato, negli anni ’80, procuratore capo della Repubblica del tribunale della provincia di Savona, in precedenza pretore capo al tribunale penale e civile di Sanremo. In seguito alla vicenda penale e al risalto mediatico che lo vide imputato di tentata concussione ed abuso d’ufficio ai danni di un primario ospedaliero di Albenga, massone e contitolare di una finanziaria – presta soldi, inquisita per usura da Russo; il magistrato, condannato in tre gradi di giudizio, venne trasferito d’ufficio alla Corte d’appello civile di Torino e ‘punito’ dal Consiglio Superiore della Magistratura. Negli ultimi anni di permanenza a Savona, prima del presunto scandalo che lo travolse e gli organi di informazione schierati con i ‘colpevolisti’- con l’esclusione di un paio di cronisti di giudiziaria che avevano seguito gli eventi nel corso degli anni – il dr. Russo figurava tra i colleghi che aspiravano alla Procura generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Genova. Infine la revisione che lui descrive e la riabilitazione, dopo 20 anni e la vecchiaia sulle spalle.

 

Condividi!
    Print Friendly and PDF

    collabora

    collabora

    Segnalazioni e consigli

    Il tuo nome (richiesto)

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Archivio Articoli

    Questo sito utilizza solo cookie tecnici, propri e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su “accetta Più info

    Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. Ai sensi e per gli effetti dell’art. 13 D. Lgs. n. 196/2003 si rende noto quanto segue: I Suoi dati saranno trattati nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti soltanto dagli autorizzati, esclusivamente per dare corso all’invio della newsletter e informarla sulle novità editoriali del settimanale. Il conferimento dei dati ha natura obbligatoria e autorizza al trattamento in relazione alla sola finalità sopra esposta. Il rifiuto di fornire tali dati comporterà l’impossibilità di inoltrarle via e-mail le informazioni relative alle notizie riportate da: Trucioli.it – Blog della Liguria e Basso piemonte. I Suoi dati non saranno comunicati a terzi, né diffusi. Lei potrà rivolgersi in qualunque momento al Servizio newsletter attraverso l’indirizzo Blog@trucioli.it per esercitare i diritti previsti dall’art. 7 del D.lgs 196/03. I dati sono trattati elettronicamente, in modo da garantirne la sicurezza e la riservatezza, e sono conservati presso il’archivio di trucioli.it Nel rispetto del art. 7 della legge di cui sopra ti informiamo che puoi modificare o rimuovere completamente i tuoi dati scrivendo a blog@trucioli.it.

    Chiudi